Il collagene

È la sostanza base della matrice extracellulare. Esistono almeno 19 tipi di collagene con caratteristiche strutturali e fisicochimiche differenti. Il tipo I° puro e non denaturato conserva la tipica struttura a tripla elica che è caratteristica di tutte le specie del regno animale ed è riconosciuto come self dall’organismo umano. Quello di origine da tendine di achille equino è più puro e al giorno d’oggi la scelta di elezione perchè l’equino è esente dal rischio B.S.E. Il collagene tipo I° possiede un duplice meccanismo d’azione, biologico attivo e plastico, consente quindi la protezione della lesione mantenendo un ambiente ideale all’attivazione dei più importanti processi biologici di riparazione tissutale stimolando la formazione di neotessuto.

La membrana di collagene (MeRG®) funge da impalcatura tridimensionale per sfruttare così il concetto di Medicina Rigenerativa Guidata da Scaffold (Scaffold-Guided Regenerative Medicine – S.G.R.M.).

IMMEDIATA ATTIVAZIONE DELLA AGGREGAZIONE PIASTRINICA
MeRG® contenendo collagene di tipo I° nativo, favorisce la reazione di aggregazione piastrinica, interagendo con le integrine di membrana e promuovendo così una più rapida formazione del coagulo.

GUIDA LA RIPARAZIONE TISSUTALE
MeRG® interviene direttamente sui vari momenti del processo istoriparativo:

  • Emostasi
  • Infiammazioni
  • Proliferazione dei fibrobasti
  • Sintesi di nuovo tessuto

Agendo da scaffold tridimensionale a trama fitta trattiene gli elementi cellulari del midollo osseo (M.S.C.) e del sangue tra cui le piastrine che rilasciano fattori di crescita cellulari PDGF (Platelet Derived Growth Factor).

MEMBRANA DI COLLAGENE APPLICATA TOPICAMENTE, FAVORISCE L’ISTORIPARAZIONE TISSUTALE
MeRG® è composta da collagene di tipo I°, rappresenta il substrato ideale dell’istoriparazione per la sua capacità di interagire con i ricettori dei fibroplasti, condroblasti deputati alla sintesi delle strutture del tessuto connettivo e cartilagineo. Essi aderiscono alle fibre superficiali del collagene eterologo, proliferano e si orientano in modo da rimodellare il tessuto danneggiato. La presenza della membrana di collagene sulla zona trattata favorisce quindi la produzione di tessuto autologo nel quale possono proliferare le cellule del parenchima leso, favorendo una efficace rigenerazione.